Mercoledì 20 Settembre 2017
  • 1

 Esistono due forme di assistenza domiciliare fornite dalla ASL

Indice (clicca sul link corrispondente)

ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA
ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA

 

 (clicca sui pulsanti per andare direttamente sulla malattia)



 

ASSISTENZA DOMICILIARE PROGRAMMATA


L'assistenza domiciliare programmata (ADP) consiste nella programmazione sistematica delle visite domiciliari del medico curante, con la possibilità di avere, sempre su richiesta del medico curante, visite specialistiche domiciliari. La possibilità di attivazione dell'ADP è limitata esclusivamente ai soggetti che presentano le seguenti caratteristiche:

  • impossibilità permanente a deambulare:
  • ultraottantacinquenni con deficit alla deambulazione
  • portatori di protesi agli arti inferiori con gravi difficoltà a deambulare;
  • impossibilità ad essere trasportato in ambulatorio con mezzi propri:
  • paziente non autosufficiente,
  • ultraottantacinquenni abitanti in piani senza ascensore,
  • ultraottantacinquenni senza patente o conoscenti disponibili a trasportabili con mezzi privati;
  • impossibilità ad essere trasportato in ambulatorio per gravi patologie che necessitano di controlli periodici al fine di prevenire riacutizzazioni che richiederebbero il ricorso all'ADI o all'ospedalizzazione:
  • insufficienza cardiaca in stato avanzato,
  • insufficienza respiratoria con grave limitazione funzionale,
  • arteriopatia obliterante agli arti inferiori in stadio avanzato,
  • gravi artropatie degli arti inferiori con grave limitazione,
  • cerebropatici e cerebrolesi con forme gravi,
  • tetraplegici

L'assistenza domiciliare programmata è un servizio gratuito.

Per informazioni rivolgersi al Centro Assistenza Domiciliare (CAD) 

Torna su



 

ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA


L'assistenza domiciliare integrata (ADI) è un servizio offerto a supporto delle famiglie per l'assistenza a persone non autosufficienti o affette da patologie gravi. Può rappresentare una alternativa al ricovero ospedaliero o consentire una dimissione protetta dopo un ricovero. La richiesta di ADI per un paziente è fatta al Servizio Assistenza Sanitaria Territoriale dal medico di medicina generale. L'intervento prevede la integrazione di diverse figure professionali (medico, infermiere, fisioterapista, specialisti, personale di assistenza) secondo un piano concordato e sotto la responsabilità del medico di medicina generale. Suddette figure professionali accedono direttamente al domicilio del paziente. L'ADI prevede inoltre la fornitura dei farmaci e del materiale di assistenza.
Le prescrizioni di farmaci e presidi devono essere redatte dal Medico di Medicina Generale in conformità con quanto previsto dal Prontuario Terapeutico A.D.I. ed autorizzate dal Servizio Assistenza Sanitaria Territoriale.
Le prescrizioni di pannoloni, cateteri e traverse redatte dai medici di medicina generale verranno sottoposte d'ufficio, unitamente alla documentazione clinica allegata, al vaglio dello specialista dell'A.S.L.
L'assistenza domiciliare integrata è un servizio gratuito

Per informazioni rivolgersi al Centro Assistenza Domiciliare (CAD)

Torna su

seguici su Fb
guarda i nostri video